ITALIANA CONDUTTORI Srl - PI 00180690182

italiano english german french spanish russian

Regolamento prodotti da costruzione CPR

Introduzione e Gestione del Regolamento CPR UE 305/11

1. Introduzione

Da parte di noi produttori, è imminente la necessità di fornire, entro il 1.7.2017 i cavi di comunicazione Classificati secondo il: Regolamento dei prodotti di Costruzione (CPR) UE 305/11.
Questa comunicazione ha lo scopo di informare la nostra clientela sullo “stato dell’arte” delle nostre conoscenze, del nostro coinvolgimento e prossima gestione del regolamento in oggetto.

Campioni di nostri cavi, sia coassiali che di rete (LAN), sono stati affidati a IMQ, già Istituto Certificatore del nostro Sistema Qualità Aziendale ISO 9001 e, in questo caso, fornitore del servizio di certificatore dei cavi, sottoposti alle necessarie prove di Reazione al Fuoco al fine di classificarli secondo le direttive del Regolamento CPR.

Come primi campioni sottoposti alle prove, abbiamo scelto:
 - il coassiale DG163ZH (che è stato Classificato Dca s2, d2, a2)
 - e il LAN7A1200ZHA (che è stato Classificato Dca s1a, d0, a2)
in quanto, per le loro caratteristiche costruttive, sono ritenuti i rappresentanti significativi a fornirci le indicazioni utili ad estendere le prove all’intera gamma dei cavi che rientreranno nella gestione del Regolamento CPR.

Lo schema della Classificazione dei cavi recepita in Italia e i Luoghi deputati alla loro installazione, sono presentati nel documento PDF scaricabile “Brochure CPR AICE”; in particolare si vedano le due pagine centrali della brochure, curata dall’AICE – Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici.
Le Classi di Reazione al Fuoco pertinenti in Italia sono le seguenti quattro:

 B2ca s1a, d1, a1
 Cca s1b, d1, a1
 Cca s3, d1, a3
 Eca

Si noti che la Classe Dca (più performante della Eca) non è purtroppo presente nella Classificazione italiana, mentre lo è nella maggior parte dei paesi UE. I cavi detti sopra, per quanto concerne l’applicazione in Italia, vanno pertanto considerati di Classe Eca .

L’obiettivo della nostra azienda è di Classificare entro Aprile 2017 tutti i cavi oggi presenti in catalogo. Presumibilmente in Classe Eca , per poterli fornire corredati della DoP (Dichiarazione di Performance) e delle etichette CE a norma EN 50575. Successivamente si cercherà di sviluppare nuovi cavi, capaci di essere Classificati nelle classi più performanti.

2. Informazioni generali

Qui di seguito vogliamo fornire una prima gamma di informazioni utili ad orientare la clientela e gli utilizzatori sulla distribuzione dei diversi cavi CAVEL all’interno della Classificazione in merito alla Reazione al Fuoco e, a premessa, enumeriamo i principali elementi costruttivi di un cavo coassiale o LAN, capaci di influenzare positivamente o negativamente il loro comportamento di Reazione al Fuoco.

 - La natura e la quantità dei componenti metallici che costituiscono lo schermo di un cavo, hanno effetti positivi ai fini dell’azione di barriera al fuoco e propagazione dell’incendio, parliamo di:
 - Nastri di alluminio o rame, della loro variegata composizione e spessore,
 - Trecce di fili di rame o alluminio (con qualche riserva [1]) che secondo la loro composizione realizzano diverse percentuali di copertura ottica.

 - La natura e la quantità delle materie plastiche contenute nel cavo, al contrario, sono gli elementi che inducono al cavo comportamenti negativi di Reazione al Fuoco in quanto, in minore o maggiore misura, sono comunque combustibili.
Si tratta di:

 - gli isolamenti dielettrici, che sono di PE espanso, talvolta solido; sono i composti più combustibili in un cavo e propagano la fiamma; questo vale anche per il PE utilizzato nelle guaine;
 - le guaine di PVC sebbene composti in varia misura autoestinguenti, durante un incendio, innescato da altri elementi, producono comunque molto calore, gas tossici nocivi alla salute e corrosivi per gli apparati e altri beni;
 - le guaine di LSZH (a bassa emissione di fumi e senza alogeni) e anche FR (Ritardanti la Fiamma) rappresentano la miglior soluzione, tra quelle descritte, in quanto producono meno calore, emettono pochi fumi chiari, non emettono sostanze nocive e ritardano, in varia misura, la propagazione della fiamma.

3. Proposte di Classificazione

Tenendo conto di quanto sopra, azzardiamo qui di seguito una prima bozza della Classificazione che potremo applicare ai cavi di nostra produzione.

Tutti i cavi con guaina di PE non sono classificabili o lo sarebbero nella Classe Fca , che non è contemplata in questo Regolamento applicabile a tutti i cavi installati in edifici, mentre i cavi con guaina PE sono installati solo all’esterno o interrati. Allo stato delle attuali conoscenze, anche i cavi con guaina PUR resterebbero esclusi dalla Classificazione CPR.

Nella Classe Eca , relativa a cavi che non propagano la fiamma e da installare singolarmente, presumiamo di classificare:
 - cavi coassiali con schermo di una sola treccia, in fili di rame (Cu) sia con guaina LSZH con doppio schermo Al+CuSn e Cu+Cu con guaina PVC e LSZH
 - cavi LAN di Cat. 5e, 6 e 6A, non schermati U/UTP e con schermi F/UTP e SF/UTP, sia con guaina LSZH che PVC.

Nella Classe Dca , ancora relativa a cavi che non propagano la fiamma e da installare a fascio, abbiamo classificato sia il cavo coassiale DG163ZH, che il cavo LAN7A1200ZHA.
Questo risultato ci induce a pensare di poter classificare allo stesso modo i:
 - cavi coassiali con:
Doppio Schermo Al+CuSn e Cu+Cu e guaina LSZH
con Triplo Schermo Al+CuSn+Al e guaina LSZH

 - cavi LAN con schermi S/FTP e SF/FTP con guaina LSZH

Nella Classe Cca s3, d1, a3 , potremo sviluppare nuovi cavi, attualmente non presenti a catalogo, in quanto devono essere capaci di non propagare l’incendio e adatti ad essere posati a fascio; si pensi a:
 - cavi coassiali
con Doppio Schermo Al+CuSn e Cu+Cu e guaina LSZH-FR
con Triplo Schermo Al+CuSn+Al e guaina LSZH-FR
 - cavi LAN
con schermi S/FTP e SF/FTP con guaina LSZH

così come anche,

nella Classe Cca s1b, d1, a1 , potremo sviluppare nuovi cavi, attualmente non presenti a catalogo,
ovvero:
 - cavi coassiali
con Doppio Schermo Al+CuSn e Cu+Cu e guaina di dia maggiorato in LSZH-FR+
con Triplo Schermo Al+CuSn+Al e guaina di dia. maggiorato in LSZH-FR+
 - cavi LAN di Cat. 6A, 7, 7A
S/FTP, SF/FTP con guaina di dia maggiorato in LSZH-FR o LSZH-FR+

[1] A corollario di quanto sopra, verificheremo anche la possibile classificazione applicabile a cavi coassiali schermati con treccia di alluminio (Al). Pensiamo che la treccia in alluminio si dimostrerà molto meno performante di una equivalente in rame (Cu). In primo luogo per il semplice motivo che la temperatura di fusione dell’Al è di solo 660°C contro i 1.085°C del rame.

4. Conclusione

Non dimentichiamo di segnalare e sottolineare che la gestione della classificazione CPR dei cavi di comunicazione, che ha per primo nobile scopo quello di limitare al minimo i rischi per persone e beni riducendo la pericolosità degli incendi, ha un altro lato della medaglia, in quanto implicherà una serie straordinaria di attività professionali dedicate e piuttosto onerose, che non potranno che riflettersi sui costi aziendali e nei prezzi al pubblico dei prodotti classificati. All’interno dello stesso processo, inoltre, presumiamo anche di dover attuare una razionalizzazione della tipologia e merceologia dei cavi oggi esistenti.

Restiamo a disposizione per qualsiasi ulteriore richiesta di informazioni e approfondimenti sui temi esposti. Contemporaneamente saremo grati a chi ci fornirà eventuali ulteriori spunti e contributi adatti al raggiungimento degli scopi previsti.

Cordiali saluti CAVEL – Italiana Conduttori Srl


Mettiamo a disposizione alcuni documenti utili per comprendere la materia: 

Brochure CPR AICE
FAQ CPR